Filtro per polveri sottili per stampanti

Stampanti, fotocopiatrici e fax emettono particelle tossiche di polveri sottili. Le stampanti laser in particolare sono oggetto di critiche. La stampa genera polvere di toner dannosa per la salute. Per ridurre il carico sugli utenti e sull'ambiente, esistono speciali filtri per polveri sottili per stampanti. Nella guida si possono trovare informazioni interessanti sulle polveri sottili durante la stampa.

Come vengono prodotte le emissioni di polveri sottili da una stampante?

A differenza delle stampanti a getto d'inchiostro, le stampanti laser utilizzano polvere di toner. È costituito da particelle sottili. La polvere di toner viene prodotta durante la stampa. La cosiddetta emissione di polveri sottili non è visibile ad occhio nudo. Le particelle hanno dimensioni di pochi micrometri. Entrano nei polmoni per inalazione. Solo quando le particelle raggiungono la carta sono innocue, poiché la polvere si fonde con essa.

Perché le polveri sottili sono pericolose?

La maggior parte dei toner sono a base di resina sintetica. La polvere di toner contiene sostanze cancerogene e tossiche come benzene, tributilstagno e dibutilstagno. La quantità di sostanze pericolose contenute varia a seconda del produttore e del tipo di cartuccia. La ricerca ha dimostrato che la maggior parte delle sostanze pericolose viene prodotta all'inizio del processo di stampa. A causa delle loro piccole dimensioni, entrano nei polmoni. Sono depositati fino alle più piccole ramificazioni. Da lì entrano nel flusso sanguigno. I metalli pesanti, il nerofumo e altri inquinanti sono associati a

  • Infiammazione
  • Danni al DNA
  • reazioni allergiche
  • lo stress ossidativo, che danneggia le cellule

Un filtro per polveri sottili per stampanti previene gli influssi nocivi delle emissioni di polveri sottili. Sono consigliate le varianti che schermano contemporaneamente il carbonio con uno strato di carbonio. Eliminano parzialmente gli odori chimici prodotti durante la stampa.

Come si riduce il pericolo di emissioni di polveri sottili durante la stampa?

Oltre ad un filtro per polveri sottili per stampanti, ci sono varie raccomandazioni per il luogo di installazione dell'apparecchio. Metterlo direttamente sulla scrivania aumenta il rischio per l'utente. Pertanto, posizionare l'apparecchio il più lontano possibile dal luogo di lavoro. Questo vale non solo per le stampanti laser, ma anche per i fax e le fotocopiatrici, che emettono polveri sottili tossiche. Se avete spazio a sufficienza, una stanza ben ventilata e separata è una buona idea.

Quando si acquista una nuova stampante, le stampanti a getto d'inchiostro sono un'alternativa senza inquinamento alle stampanti laser. In opzione, è possibile acquistare un apparecchio certificato con filtro per polveri sottili. Negli uffici in cui le potenti stampanti laser sono attrezzature standard, la regolare aerazione aiuta. In questo modo si riduce il livello di sostanze inquinanti nella stanza.

È importante fare attenzione quando si cambia il toner. Una manipolazione impropria porta a malattie respiratorie nell'uomo e negli animali. I mezzi più efficaci sono i filtri per polveri sottili per stampanti. Riducono al minimo l'emissione di polveri sottili nocive.

Nota: Scegliere una macchina con un sistema toner chiuso, che abbia un impatto minore sull'ambiente e sulle vie respiratorie rispetto ad un sistema aperto. I sigilli di omologazione TÜV e "Blue Angel" identificano un toner a basse emissioni.

Come funziona un filtro per polveri sottili per stampanti?

I modelli sono realizzati in vello riciclabile, neutro dal punto di vista ambientale, simile al filtro dell'aspirapolvere. Hanno una struttura a tre strati. Le microfibre elettrostatiche consentono un filtraggio ottimale. I tessuti sono adatti per una durata di vita fino a un anno o per 70.000 stampe. Sono resistenti allo strappo e durevoli. I diversi strati servono a scopi diversi. Il prefiltro filtra le particelle più grandi.

Nello strato intermedio sono presenti microfibre con carica elettrostatica. Lo strato esterno filtra le particelle più piccole con microfibre a pori fini. I tradizionali filtri per polveri sottili per stampanti raccolgono il 94% delle particelle di polvere fine che vengono prodotte durante la stampa con una stampante laser.

I modelli sono costituiti da un vello. È dotato di microfibre con carica microstatica o di un rivestimento speciale. In alcuni casi, i produttori combinano entrambe le varianti. I filtri con rivestimento impediscono la fuoriuscita delle polveri sottili. Tengono le particelle e la polvere lontane dall'ambiente. Il vello utilizza microfibre elettrostatiche per legare le particelle in modo che non possano sfuggire all'esterno. Oltre alle polveri sottili, uno strato di carbone attivo filtra sostanze tossiche come benzene, toluene e ozono. Tutti i filtri non contengono carta, in modo da non ammuffire a causa dell'umidità.

Il filtro per polveri sottili per stampanti influisce sulle prestazioni?

Molti utenti temono che un filtro per polveri sottili possa influire sulle prestazioni della stampante. Infatti, i filtri per polveri sottili per stampanti forniscono un buon flusso d'aria, a condizione che cambino regolarmente il filtro. Il raffreddamento e le prestazioni della stampante rimangono invariate.

Quanto è utile un filtro per le polveri sottili per le stampanti nell'ufficio a casa o nell'open space?

Un filtro per polveri sottili per stampanti lega le sostanze pericolose che vengono prodotte durante la stampa. Non importa se si stampa meno nel proprio ufficio a casa che in un ufficio open space. Ogni processo di stampa produce minuscole particelle di polvere fine che si depositano nei polmoni quando si respira. Oltre alla polvere di toner, gli apparecchi emettono ozono, benzene e altre sostanze tossiche. Un filtro per polveri sottili che filtra le nanoparticelle riduce l'onere per gli utenti.

Quando un filtro per polveri sottili diventa utile per una stampante?

Vale la pena per qualsiasi stampante laser che non abbia un proprio filtro per le polveri sottili. Ogni volta che si stampa, vengono prodotte sostanze nocive che entrano nei polmoni quando si respira. Portano a irritazione delle mucose, infiammazione locale dei bronchi o depositi nei vasi sanguigni. Soprattutto se si stampa spesso e molto, un filtro per polveri sottili è essenziale per proteggere l'ambiente e la salute.

Con quale frequenza cambiate il filtro per le polveri sottili per le stampanti?

Il filtro per polveri sottili protegge l'ambiente e la salute, a condizione che venga utilizzato correttamente. È importante controllare regolarmente il filtro. In questo modo si eviterà un inquinamento inutile. I filtri intasati causano il surriscaldamento della stampante. Si raccomanda di controllare il filtro una volta ogni sei mesi. Ciò vale sia per i modelli installati che per quelli montati a posteriori. Se si utilizza spesso la stampante, si consiglia di cambiarla dopo sei mesi.

Un filtro per polveri sottili dura al massimo un anno o per la stampa di un massimo di 70.000 pagine. A seconda della frequenza d'uso, si raccomanda la sostituzione anticipata. La manutenzione regolare della stampante da parte di personale qualificato aumenta la sicurezza.

Cosa bisogna considerare quando si acquistano filtri per polveri sottili per stampanti?

Se si possiede un apparecchio con un filtro per polveri sottili incorporato, utilizzare il prodotto raccomandato dal produttore o un'alternativa compatibile. Se la stampante non dispone di una propria protezione contro le emissioni, installare successivamente il depuratore d'aria. I marchi Clean Office e Clean Air di tesa sono popolari. Hanno un bordo adesivo che si attacca alla ventola della stampante laser. Verificate se il prodotto è adatto al vostro modello.

È importante controllare regolarmente se il filtro è pieno. Se è intasato, il dispositivo si surriscalda.

Suggerimento: per le stampanti con stampante laser, utilizzare carta senza emissioni. Il sigillo "Blue Angel" certifica gli accessori consigliati per la stampante.

Di quali proprietà ha bisogno un buon filtro per polveri sottili per le stampanti?

Questi fattori sono importanti:

  • filtrare le polveri sottili respirabili sotto i 2,5 micrometri (1µm = millesimo di millimetro!)
  • microfibre caricate elettrostaticamente che leggono le particelle più fini
  • montaggio facile
  • elevata permeabilità all'aria per garantire un raffreddamento ottimale
  • Istruzioni per l'installazione

Quali tipi di stampante producono le emissioni di particolato più basse o più alte?

In generale, le stampanti a getto d'inchiostro sono più rispettose dell'ambiente e meno dannose per la salute rispetto alle stampanti laser. Non producono né polvere fine né ozono. Se si utilizzano stampanti laser potenti e veloci, assicurarsi di avere un filtro per le polveri sottili. Questo filtro lega il 94 per cento delle particelle fini. Quando si acquista un nuovo dispositivo, seguire le istruzioni del produttore sulle emissioni di polveri sottili.

I nuovi modelli evitano in gran parte l'uso di sostanze nocive. L'indicazione "senza ozono" conferma un'emissione di ozono al di sotto del limite rilevabile.

Suggerimento: una buona alternativa per le stampanti laser sono le stampanti a getto d'inchiostro del marchio EPSON WorkForce. Lavorano velocemente, sono potenti e consumano poca energia.

Come si installa il filtro per polveri sottili per stampanti?

Le stampanti laser con filtro per polveri sottili sono dotate di un supporto a slitta in cui inserire la cartuccia. Su alcuni modelli si cambia il toner contemporaneamente al cambio del depuratore d'aria. Per i modelli montati a posteriori, l'installazione è semplice. I filtri per polveri sottili sono basati su un sistema di velcro autoadesivo che si applica alla ventola di scarico della stampante. È importante che vi assicuriate che il filtro per polveri sottili sia adatto al vostro apparecchio. Nel negozio online Prindo è possibile ordinare prodotti per ufficio puliti per varie stampanti.